Manifesti 70×100: il formato perfetto?

È il re dei manifesti, il formato più utilizzato per i manifesti è senza dubbio il 70×100. Grande abbastanza per essere d’impatto in qualsiasi situazione, ma conserva la maneggevolezza e praticità dei formati più piccoli. Dettaglio non secondario quando si ha l’esigenza di diffondere un messaggio velocemente, l’invito a un evento o un’offerta speciale. Pratico come un flyer, efficace come un’insegna: i manifesti 70×100 riescono a tenere insieme gli aspetti migliori di diversi formati. Sono leggeri e pratici abbastanza da poter essere affidati ad amici e colleghi, ma grandi a sufficienza per essere sempre notati anche dai passanti più disattenti.

INDICE

Stampa Manifesti 70x100

Perché affiggere manifesti?

I manifesti sono tra gli strumenti di marketing più longevi, tra le prime forme inventate dall’uomo per portare un avviso o un messaggio a conoscenza del maggior numero di persone. È passato tantissimo tempo dai primi esempi di manifesti rinvenibili nella storia della comunicazione, numerosissimi altri canali e strumenti sono stati inventati da allora, eppure i manifesti non perdono centralità in qualsiasi azione di marketing. Siamo abituati ad incontrarne moltissimi nel corso della giornata, all’ingresso dell’alimentari sotto casa, o nella bacheca aziendale. Sempre richiamano la nostra attenzione perché siamo naturalmente propensi ad associare questo formato alle notizie utili, gli avvisi importanti e gli avvenimenti imperdibili. Con la coda dell’occhio cerchiamo di capire al volo se il messaggio contenuto può essere o meno di nostro diretto interesse, ma – sempre – uno sguardo veloce lo dedichiamo.

Quando e dove affiggere i manifesti?

Uno degli aspetti più apprezzati di questo formato è proprio nella facilità di affissione. Si adattano a qualsiasi superficie. Praticità e facilità di affissioni sono tra le principali ragioni di successo dei manifesti. Non serve affidarsi ad attacchini e agenzie specializzate, spesso bastano pochi amici ed esercenti commerciali disponibili ad ospitare sulle proprie vetrine i manifesti, a garantire massima diffusione e visibilità al nostro messaggio. Il supporto cartaceo, pratico e leggero, non è però adatto ad applicazioni esterne: umidità e pioggia sono i peggiori nemici dei manifesti. Sarà quindi preferibile applicarli all’interno, magari sfruttando le superfici vetrate che danno all’esterno. All’aperto invece potranno essere posizionati solo il giorno dell’evento o comunque per poco tempo, consapevoli che anche una pioggerellina leggera potrebbe rendere illeggibile il manifesto.

Vetri

Sono la superficie migliore per l’applicazione dei manifesti. Quando i vetri danno su strade pubbliche o ad altro attraversamento pedonale è consigliabile applicare il manifesto in modo tale che sia visibile dall’esterno la parta stampata. Prima di applicare il manifesti è bene assicurarsi che la superficie vetrata sia bene pulita e non ci siano residui che possono rendere poco stabile l’ancoraggio del manifesto.

Manifesto in vetrina

Muri

Per l’ancoraggio di manifesti sui muri il classico nastro adesivo potrebbe non essere l’ideale. Soprattutto se si prevede di tenere il manifesto affisso solo per pochi giorni. La rimozione del nastro adesivo potrebbe comportare la rimozione di piccoli pezzi di pittura e rovinare il muro. Per questo sono in genere consigliabili gommini adesivi che si attaccano e staccano dai muri senza creare danni a pittura e intonaco e – soprattutto – senza lasciare residui.

Porte

Le porte sono il luogo di affissione dei manifesti per antonomasia. A seconda del materiale di cui sono fatte è possibile ancorare il manifesto in modo differente. Per porte in alluminio, pvc o vetro del nastro adesivo può essere sufficiente e non crea problemi alla rimozione. Invece per le porte di legno potrebbe essere utile servirsi di piccoli chiodini. In alternativa, anche in questo caso, l’utilizzo di gommini adesivi può servire ad escludere danni alla superficie al momento della rimozione.

 

Photo by Benedikt Geyer on Unsplash